SAN SALVI CITTÀ APERTA

San Salvi è una vera e propria ‘città nella città’, nata alla fine dell’Ottocento e rimasta manicomio realmente fino al 1998.
Dal 1997 un padiglione dell’ex-manicomio fiorentino di San Salvi, e gli spazi all’aperto che lo circondano, sono diventati sede e materia prima del nostro progetto teatrale. Un’area di oltre 30 ettari – negata per più di un secolo ai fiorentini – si è così trasformata in una città aperta, luogo di produzione culturale.

Il “luogo San Salvi” è un fenomeno unico nel panorama fiorentino: non è un teatro, non è un laboratorio, non è uno spazio espositivo, né un punto di incontro; forse è tutto questo insieme e ancora di più: una casa dove convivono produzione ed ospitalità nel segno del rigore e della contemporaneità.