CLANDESTINO

Quando:
8 Settembre 2019@21:00–22:00
2019-09-08T21:00:00+02:00
2019-09-08T22:00:00+02:00
Dove:
Via di San Salvi 12 - Firenze
Costo:
Ingresso 15 12 10 8 euro. Prenotazione consigliata. Posti limitati.
Contatto:
Chille de la balanza
055.6236195 | 335.6270739

Domenica 8 settembre
ore 21:00

Catalyst 
CLANDESTINO
Scritto e diretto da Riccardo Rombi
con Virginia Billi, Rosario Campisi, Aleksandros Memetaj.

Abbonamento 3 spettacoli 15 €
Biglietto singolo 12€ | Ridotto Coop/Arci 10€ | Carta Studente della Toscana 8€ 
Posti limitati. Prenotazione consigliata.
Info e prenotazioni 055.6236195 | 335.6270739 | info@chille.it

Uno spettacolo che pone al suo centro la multiculturalità evitando demagogia e luoghi comuni.

Realizzato all’interno del percorso Lontano da Dove, vincitore del Bando Migrarti

2017 per la valorizzazione delle culture provenienti da comunità di immigrati che vivono stabilmente in Italia, a favore del dialogo interculturale e l’inclusione sociale,

Clandestino è un progetto teatrale ideato e realizzato da Catalyst per raccontare la storia d’Italia attraverso lo sguardo degli immigrati di ieri, di oggi e domani.

Il titolo stesso, un termine usato per lo più con una connotazione feroce e dispregiativa, viene riproposto sotto nuova luce, con una valenza inaspettata e provocatoria, che lo trasforma addirittura in una possibile via d’uscita.

Lo spettacolo vuole essere un luogo d‘incontro tra culture diverse e lo fa a cominciare dal cast formato da 2 italiani, Virginia Billi e Rosario Campisi e l’albanese Aleksandros Memetaj. Aleksandros aveva appena sei mesi, quando giunse in Italia. La sua è una vera e propria avventura, una delle tante storie di fughe dalla disperazione e dalla povertà ancora troppo poco raccontate. Suo padre fugge dall’Albania, ridotta alla fame dal regime comunista, portandolo in spalla.

Un’odissea che lo costringe a scavalcare muri resi invalicabili da vetri aguzzi e affrontare i fucili che la polizia gli punta addosso. Raggiunge la costa italiana su un gommone, uno dei numerosi malridotti e stracarichi che attraversano i nostri mari con a bordo tanti destini attaccati al filo. La famiglia si stabilisce nel Veneto, dove il padre, con due lauree alle spalle,

si guadagna da vivere con un doppio lavoro: pizzaiolo e calzolaio. Aleksandros, crescendo, dà prima una mano al padre poi a 19 anni decide di trasferirsi a Roma.

Oggi ha 26 anni e ha già avuto una parte nel film di Cosimo Gomez, Brutti e Cattivi, nel 2017 ha scritto e interpretato il plurirappresentato “Albania casa mia” per poi recitare in Clandestino con la regia di Riccardo Rombi.

Contrassegna il permalink.