CASSANDRA

Quando:
26 settembre 2017@21:00–22:30
2017-09-26T21:00:00+02:00
2017-09-26T22:30:00+02:00
Dove:
Teatro Comunale dell'Antella
Via di Montisoni
50012 Antella FI
Italia
Costo:
Ingresso 10 euro. Prenotazione consigliata
Contatto:
Chille de la balanza
055 6236195 - 335 6270739

TEATRO COMUNALE DELL’ANTELLA
Martedì 26 e mercoledì 27 settembre

ore 21:00 Ingresso 10 euro
_Teatro_
Il Teatro coop. produzioni/Galleria Toledo
CASSANDRA
Regia Laura Angiulli
Info e prenotazioni
#055.6236195 | 335.6270739 | info@chille.it

Ingresso 10 €: è ancora valida la promozione Spacciamo culture che consente l’ingresso gratuito a tutti gli under 35, previa prenotazione telefonica.
Dato il limitato numero di posti, la prenotazione è comunque vivamente consigliata. Info e prenotazioni tel. 055 6236195 whatsapp 335 6270739 mail info@chille.it

Lo spettacolo, nato all’interno del Napoli Teatro Festival Italia del 2016, ha la drammaturgia e regia di Laura Angiulli e vede in cartellone almeno altri tre nomi di assoluto rilievo nel panorama teatrale italiano: Enzo Moscato, per la collaborazione al testo, Cesare Accetta, light designer per tutti gli spettacoli di Toni Servillo, appunto per il disegno luci, e soprattutto Alessandra D’Elia, una delle attrici cult della nuova scena napoletana. In scena con la D’Elia, Caterina Spadaro; da segnalare anche l’interpretazione in canto di Caterina Potrandolfo.

Così Laura Angiulli presenta la sua Cassandra: “…donna soprattutto donna, intelligente, acuta, percettiva, dunque veggente. Giusto un’ora prima della fine, desolazione dello spazio vuoto estraneo, sospensione dell’attesa senza tempo che già s’attesta sull’estremo limine del giorno. Guerra di pensieri e parole, suoni, anche disarticolati ferocemente coerenti. Sola come sempre. La guerra l’attraversa, lutti e rovina, macerie di umanità – lei dice – e dall’alto delle mura vede – solo lei – vede il nulla che avanza, ingoia, cancella, macelleria di corpi e sentimenti –ahi la terribile fertilità di Elena! La morte non è solo presagio, le si manifesta, le si fa compagna, è nucleo e sostanza di un decadere senza rimedio. Genitori, fratelli, sorella, tutti assolutamente tutti, Achille la bestia, Achille dalla mortifera lancia, Achille cui non è dato sottrarsi. Achille – l’impotenza dei vincitori! tutto ciò che devono conoscere si svolgerà davanti ai loro occhi, ed essi non vedranno nulla, è così, è l’orrore della vittoria – anche lui tenuto in pugno dal destino, come Agamennone, Clitennestra, come quei tanti senza nome che la guerra cancella.

Tre donne per Cassandra: poesia, soprattutto poesia, parole che sgorgano in largo flusso, e si consumano nel ritmo andante del riportare alla mente, o suono sgretolato, soffocato nel fondo della gola, tratto fuori dalla cavità oscura del ventre in un dissonante fluire della coscienza”. (Laura Angiulli)

Contrassegna il permalink.